RACCOMANDAZIONI

#seamilItaliamantieniladistanza

-SINTOMI Se hai sintomi simili all'influenza RESTA A CASA, NON RECARTI AL PRONTO SOCCORSO o presso gli studi medici ma contatta il Medico di medicina generale, i pediatri di libera scelta, la guardia medica o i numeri regionali!

Solo nei casi più gravi chiama il 118 e spiega la tua situazione.

-MASCHERINE È OBBLIGATORIO INDOSSARE LA MASCHERINA, CHE COPRA BENE LE VIE AEREE (NASO E BOCCA), NEI MEZZI DI TRASPORTO PUBBLICI, NEI LUOGHI CHIUSI ACCESSIBILI AL PUBBLICO O IN TUTTE LE SITUAZIONI IN CUI NON SI POSSA GARANTIRE IL MANTENIMENTO DELLA DISTANZA INTERPERSONALE DI SICUREZZA

-ASSEMBRAMENTI È VIETATA OGNI    FORMA DI ASSEMBRAMENTO DI PERSONE IN LUOGHI PUBBLICI O APERTI AL PUBBLICO

-SPOSTAMENTI È fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in una Regione diversa da quella in cui si trovano salvo che per ragioni di salute e di lavoro di assoluta urgenza

-DOMANDE Per qualsiasi ulteriore chiarimento telefonare al C.O.C. di Orvieto al numero 0763306410 (Lun-Sab 9.00-19.00) oppure consultare la pagina delle F.A.Q. del Governo

 

ULTIME COMUNICAZIONI

Fonti: Comune di Orvieto, C.O.C.

Di seguito le notizie più rilevanti.

Cliccando QUI VAI ALL'ARCHIVIO NOTIZIE della Fase 1 dell'emergenza.

COMUNICATO 3 MAGGIO ORE 21.00

FASE 2, COSA SUCCEDE IL 4 MAGGIO?

Entra in vigore il 4 maggio il Dpcm del 26 aprile 2020 che aggiorna le misure per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. Le misure resteranno in vigore dal 4 fino al 17 maggio. Nello specifico:

SPOSTAMENTI
Vietato trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in una regione diversa da quella in cui ci si trova salvo per ragioni di salute, di lavoro o di assoluta necessità

Lo spostamento tra regioni è consentito quando è necessario per fare rientro alla propria residenza, al proprio domicilio o alla propria abitazione.

Raccomandiamo e consigliamo vivamente di comunicare il rientro al medico di famiglia o al Dipartimento di igiene e prevenzione della Usl Umbria 2 al numero 0763/307429.

Vietato lo spostamento verso abitazioni diverse da quella principale comprese le seconde case utilizzate per la vacanza salvo che per ragioni di necessità o di lavoro

Si considerano necessari anche gli spostamenti per incontrare congiunti - sempre all’interno della stessa regione - purché venga rispettato il divieto di assembramento, il distanziamento interpersonale di almeno un metro e vengano utilizzate protezioni alle vie respiratorie.

Chi sono i congiunti? Coniugi, partner conviventi, partner delle unioni civili, le persone che sono legate da uno stabile legame affettivo, nonché i parenti fino al sesto grado (come, per esempio, i figli dei cugini tra loro) e gli affini fino al quarto grado (come, per esempio, i cugini del coniuge).

Durante la visita ai congiunti non è possibile organizzare pasti, riunioni di famiglia, momenti conviviali.

Per gli spostamenti fuori Comune di residenza o domicilio resta l’obbligo dell’autocertificazione 
Qui il nuovo modello 
https://www.interno.gov.it/…/nuovo_modello_autodichiarazion…

PARCHI E GIARDINI
Resta vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici e privati.

L’accesso del pubblico ai parchi e ai giardini pubblici è consentito per svolgere attività sportiva individuale. E’ permesso camminare a un metro di distanza, correre a due metri di distanza, Non è permesso creare assembramenti, utilizzare le aree giochi per bambini, svolgere attività ludico-ricreative.

ATTIVITÀ FISICA E PESCA
Non è consentito svolgere attività ludico o ricreativa all’aperto.

È consentito svolgere individualmente, ovvero con accompagnatore per minore o persone non completamente autosufficienti, attività sportiva o motoria nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di 2 metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività (vedi foto).

È consentita la pesca sportiva in forma individuale rispettando la distanza di sicurezza.

CIMITERI E FUNERALI
È consentito spostarsi nell’ambito della propria regione per far visita nei cimiteri ai defunti. I cimiteri di #Orvieto saranno riaperti a partire da giovedì 7 maggio con orario da lunedì al sabato dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 18. Domenica dalle 9 alle 12. Sarà consentito l'accesso a una persona per nucleo famigliare, permanenza massima di 30 minuti, bisognerà indossare mascherina e guanti e rispettare la distanza interpersonale di un metro.

Sono consentite le cerimonie funebri come l’esclusiva partecipazione dei congiunti fino a un massimo di 15 persone indossando protezioni delle vie respiratorie e rispettando la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

ATTIVITÀ ED ESERCIZI COMMERCIALI
Restano sospese le attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, centri culturali, centri sociali e centri ricreativi.

Restano sospese le attività commerciali al dettaglio fatta eccezione per la vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate dall’allegato 1 del Dpcm. Restano aperte edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie.

Consentita la ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) con asporto rispettando la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, con il divieto di consumare i prodotti all’interno dei locali e il divieto di sostare nelle immediate vicinanze dei locali.

Resta consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie per il confezionamento e per il trasporto.

Sono chiusi gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti all’interno di stazioni ferroviarie nonché delle aree di servizio e di rifornimento di carburante con esclusione di quelli lungo le autostrade.

Sospese ancora le attività di parrucchiere, barbieri ed estetisti

Gli esercizi commerciali la cui attività non è sospesa sono tenuti ad assicurare, oltre alla distanza interpersonale di un metro, che gli ingressi avvengano in modo scaglionato e che venga impedito di sostare all’interno dei locali più del tempo necessario all’acquisto dei beni.

OBBLIGO DELLE MASCHERINE
È obbligatorio utilizzare protezione delle vie di respiratore nei luoghi confinati aperti al pubblico inclusi i mezzi di trasporto e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza. Esclusi i bambini sotto ai sei anni e i portatori di disabilità non compatibili con l’utilizzo delle mascherine.

 
 
 
 

NUMERI UTILI

Numeri utili.png
 
 
 

ALTRI CONTENUTI

C_17_materialiSocial_1_19_immagine.png
C_17_materialiSocial_1_18_immagine.png
Consigli
comportamenti e raccomandazioni covid 19
Infografica giardini.png

2019 l © PROTEZIONE CIVILE DI ORVIETO